Impotenza e grasso

Problemi di impotenza?

È colpa del grasso

Tra obesità e sindrome metabolica c’è un legame

 “Numerosi studi clinici hanno determinato le correlazioni tra Sindrome Metabolica (S.M.) e disfunzione erettile (D. E.), meglio conosciuta come impotenza, che viene definita come “incapacità del maschio a raggiungere e/o mantenere un’erezione per condurre un rapporto sessuale soddisfacente”. Ricerche scientifiche condotte su questi argomenti hanno rilevato che sono 400 milioni sono gli obesi nel mondo attuale. Un uomo su 4 è interessato da S. M.; 3 milioni di uomini in Italia soffrono di D. E. e il 90% dei pazienti che soffrono di S. M. presentano D. E.”, spiega il dottor Belardino Tassi, urologo e andrologo.

 

 

GRASSI E IMPOTENTI – Alla luce di questo scenario, il futuro è ben delineato: ci attende un domani con un maggior numero di soggetti adulti di sesso maschile affetti da S.M., sempre più grassi, più fermi ed impotenti. C’è però da fare qualche precisazione: “L’obesità legata alla S. M. è quella determinata dall’eccessivo accumulo di cellule adipose a livello della fascia addominale, per un elevato apporto di alimenti ricchi di grassi ma in misura maggiore di zuccheri. La sedentarietà, unitamente all’aumento nell’uso dei mezzi di locomozione, con conseguente miglioramento di qualità della vita, determina la genesi e il mantenimento di questo aspetto”, dice Tassi spiegando che “la sindrome metabolica, una volta consolidatasi, attiva due meccanismi che comportano:

 

 

1) lo stress ossidativo

2) l’infiammazione cronica

 

 

Queste situazioni, portano a loro volta ad una disfunzione erettile. In conclusione nei casi di un paziente maschile, di età compresa tra 55 e 75 anni, nel quale si è consolidata la S. M., complicata da D. E., per risolverne i problemi vengono raccomandati una riduzione del peso corporeo, il ripristino dell’attività fisica oltre e, nei casi indicati, una terapia sostitutiva con testosterone”. fonte iltempo

18/11/20150