Il cacciatore di amanti

Il cacciatore di amanti

In Cina sempre più mariti tradiscono le mogli. Così queste ultime si rivolgono a una specie di detective privato specializzato nel mandare a monte le relazioni proibite. Guadagnando un sacco di soldi.

Sarà il boom economico o la liberazione dei costumi: ma il tasso di tradimenti in Cina sta salendo vertiginosamente. A farne le spese sembra che siano soprattutto le donne, costrette a sopportare mariti fedifraghi che passano più tempo con lʼamante che con loro. Un fenomeno in cui qualcuno ha visto un business potenzialmente molto lucrativo: il cacciatore di amanti.

UNA PARCELLA DA 150 MILA DOLLARI

Il cacciatore di amanti è una specie di detective privato che si fa pagare moltissimo e ha un unico obiettivo: sabotare, in un modo o nellʼaltro, la relazione tra marito e amante. Il Washington Post, per capire meglio la natura del servizio, ha contattato un vero esperto di questʼarte, Zhu Lifei. Così bravo che riesce a farsi pagare tra i 15 mila e i 150 mila dollari, visto che spesso sono proprio le coppie più agiate a vacillare sotto i colpi del tradimento.

LʼAMANTE DELLʼAMANTE

Zhu ha diverse frecce al suo arco, quando si tratta di far riavvicinare marito e moglie. Spesso si tratta di soluzioni piuttosto creative: come il fingere un incidente automobilistico e sporcare di sangue (di gallina) la moglie tradita, perché il marito possa tornare a provare interesse per lei (non ha funzionato). Oppure, assumere bei ragazzi votati al lusso che facciano la corte allʼamante del marito fedifrago, per allontanarla da lui.

PER LUI SI TRATTA DI GIUSTIZIA

Di lavoro da fare ce nʼè in abbondanza. Solo nel 2015 ha seguito 362 casi, risolvendone con successo il 73%. E mentre da una parte si cerca di sabotare la relazione amante-marito, dallʼaltra si procede a rifare il look della consorte: per renderla più sexy, più attraente, nuovamente

desiderabile (decidete voi se è una cosa sessista o meno). E si fa in modo che i regali del finto amante della vera amante vengano trovati dal marito, per minare la relazione alle fondamenta. «È una questione di giustizia», dice Zhu. Alcuni lo criticano perché pensano che ciò che faccia sia immorale, o addirittura illegale. Ma Zhu, che ha assoldato un team di legali, sta ben attento a non infrangere i limiti stabiliti dalla legge. E mariti ed amanti continuano a lasciarsi. Mentre le mogli esultano.  Fonte lettera donna

27/11/20160