newslogo

Edging e orgasmo

L’edging è una pratica erotica: si tratta di ritardare e, quindi, controllare l’orgasmo, in un gioco di rinvio che tende ad amplificare il piacere.

EDGING: IL SIGNIFICATO

Il termine è inglese: “edge” vuol dire bordo, orlo, limite. Già il significato della parola ci fa intuire che si tratta di una pratica che conduce sulla soglia dell’orgasmo.

EDGING: COS’È L’ORGASMO CONTROLLATO

L’edging consiste, appunto, nell’avvicinarsi al limite dell’orgasmo senza raggiungerlo, quindi nel rinviare l’apice del piacere, ricominciare e, di nuovo, andare molto vicino all’orgasmo, negarselo o negarlo e riprendere. Quante volte? Il rinvio si ripete fino a quando si vuole o si può, fino all'orgasmo completo.

Sembra che questa pratica di controllo dell’orgasmo lo possa amplificare: la rinuncia temporanea al piacere alimenta l’attesa e dunque l’intensità del momento finale.

EDGING: COME FARE PER L’ORGASMO CONTROLLATO

Il primo passo è conoscersi, dunque potresti sperimentare e ritardare l’orgasmo durante la masturbazione, introducendo delle variazioni e degli elementi nuovi. In questo modo, puoi anche capire se effettivamente questa pratica ti piace.

L’altro step fondamentale è comunicare: se sei tu a essere incuriosita, parlane al partner, valutando tempi e modi della comunicazione e comunque accettane la decisione. Se è l’altro a proporti l’edging, sentiti libera di dire di no. Anche per questa fantasia, infatti, è molto importante rispettarsi, quindi è utile concordare il limite, soprattutto se l’edging si configura come una negazione forte dell’orgasmo nell’ambito di altre fantasie sessuali.

Se entrambi siete tranquilli, potete provare e portare l’altro al limite del piacere, fermarsi o rallentare e riprendere. Come fare? In realtà, non c’è una modalità fissa: ancora una volta, è preferibile capirsi e far capire al partner quando è il momento di dire stop per ricominciare.

fonte Donna D

odore uomo single più eccitante

L’odore degli uomini single è 

più attraente, lo dice la scienza 

L’odore più forte degli uomini single li renderebbe più mascolini rispetto a soggetti già impegnati. 

Lo studio è stato condotto da un gruppo di ricercatori della Macquarie University, in Australia, partendo da studi precedenti secondo i quali gli uomini singleavrebbero livelli di testosterone più elevati di quelli riscontrati in uomini impegnati (fidanzati o sposati). 

Ma come è stata condotta la ricerca? Gli studiosi hanno reclutato dei volontari, alcuni maschi e 82 donne eterosessuali. Gli uomini sono stati sottoposti a degli sforzi fisici perché sudassero. Le loro magliette sono state annusate dalle donne, che poi hanno risposto ad un test per valutarne l’odore, facendo riferimento ad una determinata scala di valori da 1 a 6. 

I risultati del test hanno rivelato che l’odore degli uomini impegnati (fidanzati o sposati) era stato classificato mediamente con un valore pari a 3. Mentre i single hanno registrato un valore medio di 3,5. L’odore dei single, inoltre, era stato definito più mascolino

 

Secondo gli studiosi, il testosterone non sarebbe l’unico responsabile della variazione di odore tra uomini single e impegnati, ma che contribuirebbe anche lo stile di vita differente. 

Questa ricerca, pubblicata sulla rivista Frontiers in Psychology, non è la prima ad indagare la correlazione tra testosterone e odore corporeo. Già una precedente ricerca aveva rivelato la maggiore attrazione delle donne (specie in fase di ovulazione) per gli uomini con altri livelli di testosterone. 

 

fonte radio 105

Anziani. La qualità della vita è anche nella sessualità

Gli anziani traggono beneficio dall’avere una vita sessuale attiva con il partner. E questo permette loro di avere una migliore qualità della vita. Un nuovo e ampio studio britannico conferma la positiva relazione tra benessere e sessualità “d’argento”

31 GEN (Reuters Health) – Un nuovo studio britannico aggiunge evidenze all’importanza della vita sessuale in età avanzata.Praticare sesso nelle terza età ha riflessi benefici sulla salute.

Lo studio. Lee Smith, dell’Anglia Ruskin University in UK,
Sarah Jackson, dello University College of London, hanno analizzato insieme ai colleghi i dati provenienti da 3.045 uomini e 3.834 donne partecipanti a uno studio a lungo termine denominato
English Longitudinal Study of Ageing.
Queste persone hanno risposto a diversi questionari, tra cui uno su rapporti e attività sessuali e uno sulla qualità della vita e della possibilità di godersela.L’età media dei rispondenti era 65 anni e la maggior parte erano sposati o vivevano con un partner.

I risultatiLe preoccupazioni sulla vita sessuale, soprattutto tra gli uomini, determinavano punteggi più bassi relativamente alla qualità della vita.Per gli uomini, le preoccupazioni sui loro livelli di desiderio sessuale, una bassa frequenza dell’attività sessuale, le difficoltà ad avere un’erezione e a raggiungere l’orgasmo erano motivi di una peggiore qualità della vita.

Per le donne, le preoccupazioni si limitavano alla frequenza dell’attività sessuale e alla loro capacità di eccitarsi e di raggiungere l’orgasmo.Il sentirsi emotivamente vicino al partner durante il sesso si è tradotto in punteggi più elevati sia per gli uomini sia per le donne nel questionario

sulla qualità della vita.

Con qualche differenza di genere. Tra gli uomini sessualmente attivi, avere rapporti almeno due volte al mese e dedicarsi di frequente a baci e carezze risultava associato a una maggiore percezione della qualità della vita. Nelle donne sessualmente attive ciò valeva per i baci e le carezze, ma non per i rapporti sessuali.

Le conclusioniMedici e caregiver “devono riconoscere che gli anziani non sono asessuali”, concludono Smith, Jackson e i loro colleghi. “ A colloro che invecchiano non vengono fornite Informazioni e incoraggiamenti a esplorare un nuoovo tipo di sessualità.Coinvolgere le persone in discussioni sulla sessualità in una fase della vita più avanzata potrebbe aiutarli a vivere vite più appaganti”.

Fonte: Sexual Medicine 2018

Pagina 7 di 359

Marco Rossi sui Social Network

 

facebook logo detail ios homescreen icon

unnamed pinterest-icon

 

Marco Rossi è Collaboratore di Psicologi Italia

label-psicologo

Marco Rossi è Presidente della Società Italiana di Sessuologia ed Educazione Sessuale

Marco Rossi e il Centro Medicina Sessuale

10177450 644754452262215 609929187 n

 

Marco Rossi su Run Radio

runradio

Mercoledì ore 10,55

Marco Rossi su Radio Deejay

Lunedì ore 23,30

in DeeSera

Impotenza

Istruzioni per l'uso

E' possibile scaricare l'applicazione gratuitamente su iTunes

Eiaculazione Precoce

Istruzioni per l'uso

E' possibile scaricare l'applicazione gratuitamente su iTunes

Cerca nel sito

Acquarelli Erotici

Realismo Idealista a Zagabria

 Acquarelli Erotici

Prossimi Incontri ed Eventi

Martedì 9 Aprile alle ore 18,30 presso il Castello di Padernello si terrà una "Aperitivo Afrodisiaco" dove il Dottor Marco Rossi sessuologo e psichiatra vi accompagnerà in una serata stuzzicante e accattivante indagando il rapporto nuovo e antico tra eros e cibo.

Per info cliccare Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Per iscrizioni Castello di Padernello

Organizzazione Conferenze Incontri ed Eventi

ORGANIZZAZIONE CONFERENZE INCONTRI ED EVENTI
Il Dott. Marco Rossi ha una lunga esperienza nella organizzazione di eventi e nella partecipazione in qualità di relatore e/o moderatore a conferenze. Le tematiche trattate sono inerenti al singolo, alla coppia, a problematiche sociali e temi culturali riguardanti la sfera dei sentimenti e della sessualità senza mai tralasciare la componente psicologica.

Organizzazione Conferenze Incontri ed Eventi

Go to top