newslogo

La prima notte deludente

I motivi per cui una serata di passione non ha l’esito sperato sono tanti, e non sempre riguardano l'amplesso. Scopri cosa c'è sotto

07:00 - Dopo un po’ di appuntamenti le aspettative di una coppia iniziano inevitabilmente ad aumentare: c’è attrazione, sintonia, trasporto, ed entrambi vorreste scoprire se siete compatibili in mille altri modi. Primo fra tutti sotto le lenzuola. Quando arriva il momento magico, però, qualcosa va storto e tu ne rimani delusa, negativamente stupita, quasi pentita di esserti spinta fin lì. Capita, i motivi per cui una serata non ha l’esito sperato sono diversi e non sempre riguardano il sesso.

 

L’ambiente - Se il dopocena si svolge a casa sua, può capitare di trovarsi in una situazione che poco combacia con l’immagine che il tuo lui ti ha restituito di sé. L’aspetto curato e pulito lascia spazio a una casa in disordine, lenzuola poco profumate e un bagno praticamente inagibile per una donna. E' inevitabile che, immersa in uno scenario simile, la libido cali. Il consiglio allora, prima di rovinarti l’umore, è di proporre una notte insieme da te e, quando la situazione si farà meno bollente, spiegargli il perché del tuo disagio.

 

La novità - Nei film i due s’incontrano al bar dell’aeroporto, ordinano un drink che non bevono e finiscono, immediatamente dopo, avvinghiati in una notte di fuoco. La realtà è un po’ diversa: per entrambi c’è la novità di un corpo da esplorare e l’imbarazzo di far entrare l’altro nella propria intimità e vulnerabilità, così non sempre tutto l’ingranaggio funziona da subito. Sono necessari un paio d’incontri che rompano il ghiaccio prima di godere a pieno del rapporto.

 

Puoi sempre dire di no - Può capitare, altre volte, che durante la prima notte assieme si “testi” il tuo interesse per lui. L’amore passa anche per il desiderio e se il tuo, alla resa dei conti, non è così alto, hai tutto il diritto di prendere e andartene. In questi casi l’indipendenza è tutto: avere un piano B per tornare a casa in sicurezza è fondamentale.

 

Tutto non è come sembra - Ci sono degli uomini che usano una corazza di gentilezza ed eleganza solo per portarti a letto. Questi uomini sono abili dissimulatori che non hanno alcun interesse nell’intraprendere un percorso di conoscenza e scoperta. Gli uomini di questo tipo, in genere, si rivelano subito dopo aver fatto l’amore: il goal raggiunto, infatti, li porta a comportarsi in maniera sgarbata. In questi casi non c’è da prendersela, non te ne saresti potuta accorgere prima e, in fin dei conti, sai che non è stata la notte a essere deludente ma lui.

 

Si ricomincia - Il bello dell’essere adulta è anche quello di non farti più scalfire da episodi simili. Solo dieci anni fa ti saresti chiusa in camera per tre giorni. Oggi, invece, sei fiera d’indossare i tuoi tacchi alti e voltare pagina: le esperienze, alla fine, sono sempre un tesoro.

 

fonte TGcom

Pornografia e desiderio sessuale

Contrordine: la pornografia sembra aumentare il desiderio sessuale.

Fino ad oggi si erano ricevute solo notizie allarmanti e drammatiche riferite al consumo frequente ed abituale di pornovideo; questa notizia, nella storia clinica di un uomo, era considerata un fattore capace di alterare la normale risposta sessuale, in particolare nel maschio molti medici e psicologici avevano osservato la comparsa di alcuni problemi all’erezione.

 

A questa prospettiva, tutta negativa, una ricerca, condotta presso l’University of California di Los Angeles (UCLA) e della Concordia University e pubblicata in questi giorni sulla rivista Sexual Medicine, sembrerebbe dare delle indicazioni completamente diverse arrivando a sostenere che il consumo di materiale pornografico, non solo non scatenerebbe problemi erettivi, ma addirittura, aumenterebbe il desiderio sessuale.

Per arrivare a questa conclusione, originale e diversa, sono stati studiati 280 uomini mettendo in relazione il loro consumo settimanale di pornovideo con il punteggio ottenuto attraverso un questionario, accettato in tutto il mondo andro-urologico, che valuta l’erezione maschile, e cioè l’International Index of Erectile Function.

 

                    

I risultati così raccolti, fatte tutte le dovute analisi, correlazioni e comparazioni dei dati clinici ottenuti, sarebbero controcorrente; oltre a non riscontrare alcuna correlazione tra “porno dipendenza” e deficit dell’erezione, hanno rilevato che i maschi, che facevano più uso di materiale pornografico, mostravano meno problematiche nella sfera del desiderio e avevano più facili livelli di “eccitazione”.

Qui lo scontro tra psicologici e sessuologici, su una problematica ancora controversa, sembra acuto e, mentre da una parte si parla di “desensibilizzazione” con relativa diminuzione del desiderio sessuale e deficit dell’erezione per chi fa uso di filmati pornografici, dall’altra si dice il contrario e si arriva ad affermare che non ci sono problemi e ad accusare poi la controparte di esagerare nell'ipertrofizzare alcuni aspetti negativi, legati alla pornografia, dove è più probabile che la disfunzione erettiva sia invece legata ad altre problematiche, come ad esempio l’ansia da prestazione o l’uso non corretto di alimenti o di particolari sostanze o problemi clinici più seri, come le problematiche cardiovascolari ed altro ancora.

 

                    

Si rischia, così facendo, di creare, su basi non realistiche, una nuova patologia ed affermare, in modo assoluto e categorico, che la pornografia è un fattore capace di scatenare un disturbo dell’erezione non aiuta i medici, ma soprattutto gli interessati, a capire la causa vera del loro problema sessuale.

Quest’ultima considerazione clinica deve essere ben valutata e tenuta presente.

fonte medicitalia.it 

Il ginecologo in terza età

Secondo una ricerca pubblicata di recente, le donne che vivono la sessualità in modo soddisfacente invecchiano meglio delle coetanee. Ecco perché è importante farsi seguire dall’esperto giusto in modo da monitorare gli aspetti fondamentali della salute

La vita sessuale e affettiva durante la terza età non solo non scompare, ma può ulteriormente svilupparsi ed essere vissuta in armonia. Può anzi addirittura perfezionarsi e rafforzarsi, arricchendo così la qualità delle relazioni umane. Un processo che sta marcando sempre più la differenza tra la “senescenza” di qualche anno fa e quella attuale. Gli scienziati la chiamano “la nuova vecchiaia”, perché include persone che viaggiano di più, tendono ad essere sportive, utilizzano le nuove tecnologie e hanno più rapporti di un tempo. A volte si tratta di una sessualità migliore di quella dei più giovani, perché più romantica e consapevole. Quindi, l’eros in terza età può diventare un vero e proprio toccasana. Secondo una ricerca pubblicata sul “Journal of the American Geriatric Society”, le donne che vivono la sessualità in modo soddisfacente invecchiano meglio delle coetanee! Esiste un vero e proprio circolo virtuoso tra invecchiamento e sesso. Gli esperti dicono che questo legame si intensifica nelle persone che riescono a mantenere alti i livelli di salute mentale e fisica.

 

“Un ginecologo deve seguire la donna dall’adolescenza fino alla terza età - afferma il prof. Paolo Scollo presidente nazionale della Società Italiana di Ginecologia e Ostetricia (SIGO) - Durante questa fase delle vita femminile il controllo con il medico specialista permette di monitorare una serie di aspetti fondamentali per la salute. Dopo i 65 anni il pap-test deve essere eseguito ogni 2-5 anni. Il tumore del collo dell'utero compare soprattutto durante la vecchiaia. 

 

“Per mantenersi in buona salute è importante mantenere uno stile di vita sano che preveda una regolare attività psico-fisica e un’ alimentazione equilibrata - prosegue Scollo - Un po' di moto aiuta a prevenire le malattie tipiche dell'anzianità come cancro, ipertensione, diabete e scompenso cardiaco. Le attività consigliate sono: ballo, jogging, bicicletta (o cyclette), nuoto, aerobica in acqua ma anche il giardinaggio. Tagliare l’erba e sistemare i fiori può far bruciare anche 300 calorie l’ora”. fonte sport-sky.it

Pagina 1 di 132

Marco Rossi sui Social Network

 

facebook logo detail ios homescreen icon

unnamed pinterest-icon

 

Marco Rossi è Collaboratore di Psicologi Italia

label-psicologo

Marco Rossi è Presidente della Società Italiana di Sessuologia ed Educazione Sessuale

Marco Rossi e il Centro Medicina Sessuale

10177450 644754452262215 609929187 n

 

Marco Rossi su Run Radio

runradio

mercoledi ore 11,45

Marco Rossi su Radio M2O

IMG 0307

Venerdi ore 9,15

Impotenza

Istruzioni per l'uso

E' possibile scaricare l'applicazione gratuitamente su iTunes

Eiaculazione Precoce

Istruzioni per l'uso

E' possibile scaricare l'applicazione gratuitamente su iTunes

Cerca nel sito

Acquarelli Erotici

Realismo Idealista a Zagabria

 Acquarelli Erotici

Prossimi Incontri ed Eventi

Martedì 17 Marzo presso Auditorium Comunale Elio Venier in via Roma n. 40 a Pasian di Prato, Udine, alle ore 20,30 il Dott. Rossi condurrà un incontro per l'attività formativa prevista dal progetto Impresa Famiglia-Scuola per Genitori dal titolo "Come vivono la sessualità i nostri figli?"

a questo LINK info e iscrizioni

 

 

 

Organizzazione Conferenze Incontri ed Eventi

ORGANIZZAZIONE CONFERENZE INCONTRI ED EVENTI
Il Dott. Marco Rossi ha una lunga esperienza nella organizzazione di eventi e nella partecipazione in qualità di relatore e/o moderatore a conferenze. Le tematiche trattate sono inerenti al singolo, alla coppia, a problematiche sociali e temi culturali riguardanti la sfera dei sentimenti e della sessualità senza mai tralasciare la componente psicologica.

Organizzazione Conferenze Incontri ed Eventi

Go to top