newslogo

Massaggio yoni

UN ORGASMO DA 300 DOLLARI

L'ultima moda tra le signore più facoltose? Il massaggio yoni: una stimolazione vaginale da sogno che promette di curare spirito e corpo. Ma può farvelo (gratis) anche il vostro partner. Ecco come.

Masturbarsi non è mai stato così costoso. Tra i 300 e i 400 dollari, per l’esattezza. Non ci credete? Chiedete a quelle facoltose signore inglesi e americane che amano concedersi, di tanto in tanto, quello che viene chiamato massaggio yoni: una stimolazione vulvo-vaginale completa e approfondita eseguita da massaggiatori (o massaggiatrici) professionisti, condita da una patina new age che, si sa, fa sempre tendenza. Su Cosmopolitan, che ha portato alla ribalta il fenomeno, scrivono che non ha nulla a che vedere con l’orgasmo. Non è dello stesso avviso la ginecologa californiana Jennifer Gunter, che intervistata dal Daily Beast si pone una domanda cruciale: perché pagare tanto quando potete toccarvi da sole o farlo fare al vostro partner?

COME NELL’ETÀ VITTORIANA?

Già, perché? Prima di rispondere, cerchiamo di capire in che cosa consiste questo tocco magico, partendo dal suo significato. Yoni è una parola di origine sanscrita che si riferisce ai genitali femminili e, alla lettera, significa ‘luogo della nascita‘ (il

 

corrispettivo maschile di yoni è lingam, per la cronaca). Secondo i suoi estimatori, lo yoni sarebbe in grado di allentare la tensione, ridurre lo stress e migliorare la vita sessuale. Mentre si riceve il massaggio, bisogna eseguire degli esercizi respiratori per prendere piena coscienza del proprio corpo (vagina compresa, ovviamente). L’obiettivo, per usare un linguaggio alla buona, è rilasciare le energie che sono rimaste ‘bloccate’ dentro la vagina. Che suona un po’ new age, ma anche un po’ vittoriano e sembra riportarci ai tempi in cui le donne a cui veniva diagnosticata l’isteria venivano curate con una vigorosa masturbazione (a proposito, i vibratori vennero inventati proprio dai medici inglesi che si erano stufati di dover lavorare di olio di gomito per curare le loro pazienti). Il consiglio che vi diamo, dunque, è quello di tenervi in tasca i quattrini e ripiegare o su un bel vibratore o sulle mani del vostro partner che istruirete a dovere per un’esperienza yoni. Come fare? Ve lo spieghiamo noi.

L’AMBIENTE GIUSTO

Candele, olii profumati, musica rilassante e comodi cuscini. L’atmosfera è tutto. Trasformate la vostra alcova in un angolo di India e mettetevi comode. L’atmosfera è tutto, ma cercate comunque di non esagerare. La parola d’ordine è ‘soffuso’. Le luci devono essere soffuse, gli aromi soffusi, la musica soffusa.

PRELIMINARI

Vi siete distese, siete comode e rilassate. Il vostro partner può cominciare a massaggiarvi tutto il corpo usando l’olio profumato, inizialmente senza concentrarsi subito sulle vostre parti intime. Poi, potrà poggiare una mano sul vostro petto, all’altezza del cuore, e con l’altra versare l’olio direttamente sul vostro pube, cominciando a esercitare una lieve pressione all’esterno con movimenti circolari.

PRIMA L’ESTERNO...

In questa prima fase, il massaggio viene praticato con il pollice o l’indice, spostandosi tra la piega dell’inguine e le labbra, ma senza arrivare alla penetrazione. Invece, terrà lievemente scostate le labbra per stimolare il clitoride, sempre con movimenti circolari.

...E POI L’INTERNO

Siamo arrivati al momento clou. Basandosi sulle vostre reazioni, il vostro partner capirà quando è arrivato il momento di passare alla penetrazione. Con un dito, solleciterà dall’interno la parte superiore della parete vaginale, sempre eseguendo dei movimenti circolari. Voi non dovrete fare altro che lasciarvi andare. 

Abbracciarsi per curare lo stress

Abbracciarsi combatte lo stress

Un gesto comune che ha il potere di rendere più sicuri, aumentare l'autostima e aiutare la coppia! Ecco perché

07:00 - Sono tanti gli studi che hanno analizzato i benefici di un'azione positiva come l'abbracciarsi per la salute dell'organismo: durante un abbraccio aumenta il livello di ossitocina, la pressione arteriosa diminuisce con effetti immediati sulla frequenza cardiaca, i livelli di cortisolo si abbassano e lo stress migliora. In più dalle indagini emerge anche un ruolo sociale di questo semplice gesto in grado di influenzare la relazione con noi stessi e gli altri e attivare un livello di empatia capace di andare al di là delle parole.


ADDIO STRESS – Da una recente indagine dell'università La Sapienza di Roma in collaborazione con l'Associazione italiana contro lo stress le problematiche legate a ansia e stress in Italia colpiscono sette persone su dieci. Correre ai ripari è possibile. Migliorare la qualità della propria vita è importante, a partire dalla relazione con il proprio corpo. E con gli altri? Ritrova il contatto fisico

IL CONTATTO – I contatti con gli altri perdono sempre più di frequente fisicità: siamo ormai disabituati a toccare gli altri. L'abbraccio invece è un atto che va al di là delle parole e raggiunge una sfera di intimità connessa alle emozioni profonde, dona calore, rassicura, accoglie l'altro sia in amore sia nel rapporto di amicizia. Lo studio ha però dimostrato che un terzo dei soggetti coinvolti non si abbraccia quotidianamente.  

GLI EFFETTI – Quando abbracciamo qualcuno i livelli di cortisolo si abbassano e l'organismo produce ossitocina, con effetti positivi per la salutecardiocircolatoria. Attraverso il nervo vago, cervello e pelle entrano in collegamento, migliora la risposta immunitaria e si abbassa il rischio di infezioni. 

CORPO E MENTE – Abbracciare aiuta a sostenere un dolore e permette di comunicare le emozioni riequilibrando il sistema nervoso. Nell'organismo viene liberata dopamina che contribuisce al buon umore. La sincronizzazione dei due emisferi celebrali porta a una situazione di calma e ricettività rispetto all'altro, con cui ci sentiamo in sintonia. 

COME ABBRACCI? – Un abbraccio totale, in cui le pance si sfiorano e tutto il corpo è coinvolto nell'azione, è in grado di sollecitare il sistema nervoso riducendo ansia e paura, interrompe la tensione e abbassa il senso di solitudine, aumentando l'autostima

CAREZZA PER IL CUORE – L'abbraccio può diventare una vera e propria terapia, come dimostrato dagli esperimenti scientifici. Un'indagine effettuata a Los Angeles ha evidenziato che l'atto di abbracciarsi rafforza il sistema immunitario e può risultare efficace per dare sollievo alle situazioni di panico

ABBRACCIO CHE GUARISCE – Il contatto fisico è fondamentale fin dai primi istanti dopo la nascita. Secondo numerosi studi le dimostrazioni d'affetto aiutano a crescere più sicuri di sé sviluppando la capacità di gestire meglio la tensione durante l'età adulta. fonte tg com

 

Durata ideale del rapporto

Qual è la durata ideale di un rapporto sessuale?

Sesso e durata ideale di un rapporto: quali sono i numeri a cui è bene attenersi per assicurare un’intimità soddisfacente? Stando ai dati ottenuti da una recente ricerca, si è stimato che un buon rapporto sessuale debba durare non più di sette minuti, compresi i preliminari. Secondo gli esperti, è meglio rispettare i tempi e concedersi pochi minuti, per poi magari avere più rapporti nell’arco della stessa giornata. In realtà il tema sesso e durata ideale sembra essere quasi un tormentone per tutti gli uomini, convinti di associare una prestazione duratura ad una maggiore eccitazione per la donna.

Purtroppo su questo non esistono parametri a cui attenersi, perché la sessualità femminile è molto più complicata e ogni donna ha esigenze differenti. Alcune potrebbero preferire un rapporto più veloce e rapido, altre avrebbero difficoltà a raggiungere l’orgasmo e per questo potrebbero rimanere più facilmente insoddisfatte. Come sempre, non è la quantità di tempo che si dedica ad un rapporto sessuale che fa la differenza, quanto la qualità. A volte la scarsa esperienza, l’imbarazzo, il poco feeling, lo stress e la stanchezza possono giocare brutti scherzi e produrre un’ eiaculazione precoce o al contrario troppo ritardata.

Il sesso non è così meccanico come vogliono farci credere, dipende dal nostro stato emotivo e dal legame che abbiamo con il partner. Se c’è una buona complicità, anche pochi minuti possono rendere l’esperienza indimenticabile. Stando alle medie statistiche, la durata di un rapporto sessuale si aggira intorno ai dodici minuti, ma questo non significa che valori superiori o inferiori alla norma siano da considerarsi problematici. Prolungando il tempo al contrario, pare che gli uomini possano sviluppare infiammazioni, dolori ai genitali o iperdistensione della prostata.

Quindi, suggeriscono i medici, attenzione a non adottare troppo frequentemente tutti quegli escamotage finalizzati a ritardare l’orgasmo. Un altro mito da sfatare rispetto al binomio sesso e durata ideale è quello relativo al concepimento. Non è assolutamente vero che sia necessario prolungare il tempo per consentire allo sperma di fecondare l’ovulo. Gli spermatozoi difatti riescono a sopravvivere nell’apparato riproduttivo femminile fino a cinque giorni. Un buon consiglio è invece quello di dedicarsi al sesso di mattina, quando la quantità di spermatozoi è più alta. fonte 

 

Pagina 1 di 234

Marco Rossi sui Social Network

 

facebook logo detail ios homescreen icon

unnamed pinterest-icon

 

Marco Rossi è Collaboratore di Psicologi Italia

label-psicologo

Marco Rossi è Presidente della Società Italiana di Sessuologia ed Educazione Sessuale

Marco Rossi e il Centro Medicina Sessuale

10177450 644754452262215 609929187 n

 

Marco Rossi su Run Radio

runradio

mercoledi ore 11,45

Marco Rossi su Radio M2O

IMG 0307

Venerdi ore 9,15

Impotenza

Istruzioni per l'uso

E' possibile scaricare l'applicazione gratuitamente su iTunes

Eiaculazione Precoce

Istruzioni per l'uso

E' possibile scaricare l'applicazione gratuitamente su iTunes

Cerca nel sito

Acquarelli Erotici

Realismo Idealista a Zagabria

 Acquarelli Erotici

Prossimi Incontri ed Eventi

Lunedì 9 Maggio presso Centro Culturale San Gaetano a Padova alle 10,30 il Dott. Rossi parteciperà al dibattito "La crisi del condom" organizzato dalla Fondazione Foresta Onlus, con il patrocinio del Comune di Padova.

 

Martedì 10 Maggio presso la fiera CIBUS di Parma (Pad. 5 stand h 10) , alle ore 15,30 il Dott. Rossi parteciperà all'evento organizzato da Pomodoro Petti  "Eros e pomodoro: parte l'amore in cucina!"

info a questo LINK 

 

 

 

Organizzazione Conferenze Incontri ed Eventi

ORGANIZZAZIONE CONFERENZE INCONTRI ED EVENTI
Il Dott. Marco Rossi ha una lunga esperienza nella organizzazione di eventi e nella partecipazione in qualità di relatore e/o moderatore a conferenze. Le tematiche trattate sono inerenti al singolo, alla coppia, a problematiche sociali e temi culturali riguardanti la sfera dei sentimenti e della sessualità senza mai tralasciare la componente psicologica.

Organizzazione Conferenze Incontri ed Eventi

Go to top