newslogo

Tradimento e cause genetiche

Anche la scappatella ha un suo perchè... Scientifico. Pare, infatti, che dietro alla tendenza a cercare l'avventura extra coniugale più che due belle gambe ci siano dei geni che "spingono" al tradimento.

La scoperta arriva dall'Australia, dalla scuola di psicologia dell'Università del Queensland. La ricerca è stata pubblicata sulla rivista Evolution and Human Behaviour ed è stato dimostrato che genitori "infedeli" avranno figli con la medesima tendenza proprio a causa di un simile tracciato genetico. 

L'equipe guidata dal Professor Brendan Zietsch ha raccolto i dati di 7.300 coppie di gemelli dello stesso sesso in relazioni di lungo termine, paragonando i tassi di infedeltà fra gemelli identici, che condividono il 100% dei geni, e gemelli non identici che ne condividono il 50%. Nell'anno precedente allo studio, quasi il 10% degli uomini e circa il 6% delle donne, avevano avuto una relazione fuori della coppia.

Da quanto emerso i fattori genetici sarebbero responsabili per il 63% del comportamento infedele degli uomini e per il 40% di quello delle donne, ma se per gli uomini la spinta al tradimento sarebbe comunque legata al bisogno di portare avanti una stirpe numerosa, per le donne infedeli non c'è una medesima rassicurante spiegazione. A fronte di questa scoperta, in ogni caso, se il proprio partner scopre il tradimento si potrà sempre dare la colpa a mamma e papà, responsabili di averci trasmesso il gene del latin lover.  fonte panorama.it

Internet come ha cambiato il sesso

L’industria del sesso non è mai stata così contenta, vivace e ricca come nell’era digitale. Sembrano passati millenni da quando ci si intrufolava timidi in edicola per acquistare Playboy con gli occhi bassi. Oggi la rete pullula di contenuti che parlano la lingua del sesso, e sono sempre meno gli utenti che riescono a resistere alle infinite tentazioni piccanti del web.

Il consumo di materiale porno è cresciuto a dismisura negli ultimi anni, anche grazie al fatto che è sempre più accessibile e gratuito (a parte i quintali di pubblicità di contorno). Questa tendenza è stata confermata dai dati del sondaggio anonimo realizzato da Dazed su 10500 individui di entrambi i sessi, provenienti da 114 paesi.

Il 59% degli intervistati ha confessato di guardare porno da una a cinque volte a settimana, il 16% dalle sei in su, mentre è emerso che solo il 25% del totale non è solito visionare questo tipo di materiale. E cosa si clicca? La tipologia di video e foto selezionate dagli utenti si fa sempre più spinta e perversa (sadomasochismo, bondage etc) al crescere della frequenza del consumo.

Il sondaggio ha rivelato anche che è sempre più diffusa la tendenza a scattarsi selfie posando nudi, e a inviarli al partner (50%), rischiando che gli scatti finiscano per arrivare in breve nelle mani sbagliate, come spesso accade. Significativo anche il dato di chi fa sesso in chat: il 34%.

Ma Internet, ha rivelato l’inchiesta, è stato in grado di cambiare anche l’importanza che riveste il sesso nelle nostre vite. L’80% degli individui ha riposto che concepisce la sessualità come qualcosa di fondamentale, ma soprattutto che si sente di vedute piuttosto ampie. Nello specifico, 1 su 5 si dichiara favorevole al poliamore (avere apertamente più di una relazione allo stesso tempo) e lo considera la forma di rapporto ideale. Comunque, per chiudere con un po’ di romanticismo, il 68% dichiara che l’amore, sesso a parte, è ancora un elemento insostituibile della propria vita. fonte Panorama

Errori lui&lei da evitare a letto

Errori da evitare a letto, i più comuni di lui e lei perché se è vero che il fuoco della passione rende ciechi è altrettanto sacrosanto evitare tutte quelle abitudini che affloscerebbero persino i più arrapati. Accorgimenti banali ma essenziali affinché l’eros non si trasformi in banale routine con le inevitabili conseguenze (nefaste) per la relazione. Abituarsi all’idea che non tutto è concesso sotto le lenzuola (vale anche per le coppie collaudate) è di fondamentale importanza che tu sia un lui o una lei. Al bando mutandoni alla Bridget, foreste incolte sulle gambe (e non solo), buio totale, cellulari a portata di mano, profumi nauseabondi.

Mutandoni alla Bridget Jones

Quando gli anni passano e la passione si riduce a uno straccio inevitabilmente noi donne tendiamo alla trasandatezza, tanto chi se ne importa! Ma le mutandone alla Bridget andrebbero lasciate alla nonna se non altro per dignità personale, è una questione di stile che può fare la differenza anche agli occhi dell’amato.

Pretendere il buio totale

I complessi fisici giocano spesso brutti scherzi convincendoci erroneamente che lui ci troverà più desiderabili al buio. Niente di più sciocco perché gli uomini si curano poco dei nostri difetti, specialmente in “quei momenti”.

Portarsi appresso il cellulare

La scintilla si è accesa, vi baciate appassionatamente, vi accarezzate come non accadeva da tempo e di comune accordo raggiungete il talamo nuziale per consumare il rapporto. Ma sul più bello lui si ricorda di aver dimenticato il cellulare in cucina, “torno subito amore” e noi lì ad aspettarlo. Nel frattempo dà un’occhiata agli ultimi messaggi, fa una telefonata e dice “chiamami dopo”, a quale scopo non si sa visto che ormai abbiamo acceso la tv e la voglia ci è definitivamente passata. Sarà per un’altra occasione!

Simulare l’orgasmo

Fingere il piacere, lo facciamo spesso per tante ragioni diverse, abitudine, pietà, compassione, ma è il caso di non esagerare, rischiamo di disorientarlo e di disorientarci a nostra volta finendo inevitabilmente nella trappola della perenne insoddisfazione.

Usare un linguaggio troppo scurrile

Qualche parolaccia al momento giusto può anche funzionare ma un linguaggio eccessivamente scurrile solitamente ci disorienta, a meno che non sia una prassi condivisa e consolidata. Spingersi in territori inesplorati è stimolante per entrambi ma senza forzature da film pornografico.

Abolire la depilazione

Sarà anche vero che quando sono eccitati non guardano in faccia nessuno ma non scambiamoli per macchine del sesso pronte a tutto pur di arrivare allo scopo. La ceretta è sempre ben accetta e fa la sua bella figura.

Chiamarla con un altro nome

Non esiste errore peggiore di questo perché chiamarci con il nome di un’altra comprometterà per sempre la relazione, non solo quella erotica. E’ un imprevisto d’amore davvero imbarazzante, pregate di avere una parente, possibilmente stretta, che si chiami allo stesso modo!

 

Pagina 1 di 69

Marco Rossi sui Social Network

 

facebook logo detail ios homescreen icon

unnamed pinterest-icon

 

Marco Rossi è Collaboratore di Psicologi Italia

label-psicologo

Marco Rossi è Presidente della Società Italiana di Sessuologia ed Educazione Sessuale

Marco Rossi e il Centro Medicina Sessuale

10177450 644754452262215 609929187 n

 

Marco Rossi su Run Radio

runradio

mercoledi ore 11,45

Marco Rossi su Radio M2O

IMG 0307

Venerdi ore 9,15

Impotenza

Istruzioni per l'uso

E' possibile scaricare l'applicazione gratuitamente su iTunes

Eiaculazione Precoce

Istruzioni per l'uso

E' possibile scaricare l'applicazione gratuitamente su iTunes

Cerca nel sito

Acquarelli Erotici

Realismo Idealista a Zagabria

 Acquarelli Erotici

Prossimi Incontri ed Eventi

Martedì 17 Marzo a Udine, alle ore 20,30 il Dott. Rossi condurrà un incontro per l'attività formativa prevista dal progetto Impresa Famiglia-Scuola per Genitori dal titolo "Come vivono la sessualità i nostri figli?"

Mercoledi 18 Marzo a Udine alle  ore 9,30 per lo Spazio Giovani del progetto Impresa famiglia condurrà un incontro dal titolo "Sessualità 2.0"

 

 

Organizzazione Conferenze Incontri ed Eventi

ORGANIZZAZIONE CONFERENZE INCONTRI ED EVENTI
Il Dott. Marco Rossi ha una lunga esperienza nella organizzazione di eventi e nella partecipazione in qualità di relatore e/o moderatore a conferenze. Le tematiche trattate sono inerenti al singolo, alla coppia, a problematiche sociali e temi culturali riguardanti la sfera dei sentimenti e della sessualità senza mai tralasciare la componente psicologica.

Organizzazione Conferenze Incontri ed Eventi

Go to top