newslogo

A Natale non rinunciare all'eros

A Natale privacy zero ma non rinunciare all'eros

Come se non bastassero i tour de force tra cenoni e pranzi da almeno sette portate, la corsa ai regali e gli infiniti scambi di auguri, ad aumentare lo stress natalizio quest’anno ci sono anche i parenti ospiti a casa tua. Anche se non vorresti, rischi di essere loro ostaggio 24 ore su 24 e ritagliarsi spazi di intimità con il tuo partner diventa una vera impresa. Eppure non era proprio questo il periodo dell’anno dove sognavi di goderti il tuo uomo sotto le lenzuola? Non rinunciarci e prova queste 7 mosse che ti permetteranno di fare l’amore anche durante l’invasione familiare.

1.Il silenzio è d’oro
Se le pareti sono sottili come carta e non volete farvi sentire da tutto il parentato, che dorme nelle altre stanze, non vi resta che provare il gioco del silenzio. Basta puntare sulla comunicazione non verbale e parlare solo attraverso sguardi e gesti. Certo i bisbigli sono ammessi, ma è sempre meglio tenere accanto un cuscino per sfogare inaspettate e incontenibili urla di piacere. 

2. Sfrutta la grande adunanza davanti alla tv
Approfitta della sonnolenza post cena, fai accomodare genitori, fratelli, bimbi inclusi, in salotto e lasciali sonnecchiare davanti a un film che duri almeno due ore o al loro programma preferito. E non dimenticarti di alzare il volume, con la scusa che la nonna sente poco. Poi svignatela con il tuo compagno in camera da letto e gustatevi questo piccolo break erotico. 

3. Anticipa la sveglia
Sfrutta questo momento magico, dove tutti quanti dormono, aprendo gli occhi prima del solito per farvi delle coccole hot. Il risveglio sarà sicuramente più piacevole del solito, per lui questo è un momento di picco ormonale. E se qualcuno a colazione nota che hai un sorriso più smagliante del solito, puoi sempre dirgli che le festività ti mettono di buon umore 

4.Approfittate della doccia
Con la scusa di non occupare il bagno per troppo tempo, infilatevi tutti e due sotto la doccia e sfruttate il potere erotico dell’acqua. Non solo il suo scrosciare attenuerà i vostri sospiri, ma sarà anche un potente afrodisiaco, che vi permetterà di scoprire posizioni mai provate e di amplificare il piacere. 

5. Caro mi aiuti con il pc?
Anche se è festa, il lavoro arretrato può essere un’ottima scusa per appartarti nella vostra stanza. Aspetta qualche minuto e poi inizia a lamentarti ad alta voce, dicendo che il computer ti sta dando problemi e chiedi al tuo uomo di venirti in soccorso. E una volta che lui è accanto con te, non ti resta che chiudere tutto, pc e porta inclusa, e viverti una sana pausa di sesso. 

6. Auto dolce auto
Sembra ieri che lo facevate in macchina, perché non avevate un altro posto dove scambiarvi tenerezze. Riscopri il brivido di un tempo e con la scusa che dovete correre al supermercato, appartatevi in un luogo lontano da occhi indiscreti per amarvi in santa pace. Brividi assicurati 

7. Spedite tutti fuori casa
I parenti non stanno mai con i vostri figli oppure non hanno ancora visto la città? Programma per loro una mattinata o un pomeriggio, sospingendoli senza che se ne accorgano fuori di casa, mentre voi due restate a casa. E se insistono tanto per volervi con loro parlate chiaro, dicendogli che avete voglia di intimità  fonte d repubblica

Che cosa imparare da un divorzio

Cinque cose da imparare da un divorzio

Le cose belle a volte finiscono (ma possiamo imparare qualcosa di utile)

07:00 - Ci si lascia per i motivi più diversi e spesso la causa principale alla base della rottura di un rapporto non è affatto la mancanza di amore, bensì una profonda difficoltà di condivisione, messa in comune, divergenza di orizzonti. Nonostante l'amarezza, è possibile guardare con un sorriso l'ex, consapevoli di ciò che abbiamo imparato? Provaci, scoprirai che è liberante.

 

Quando un matrimonio termina rimane dolore e rabbia, a cui si aggiunge il senso potente di una sconfitta che raggela l'anima. Incolpare l'altro è inutile e dannoso perché spesso, come dimostrano indagini più accurate, le colpe sarebbero da distribuire equamente e le incomprensioni costituiscono una barriera che entrambi abbiamo contribuito a creare. Ma cosa è possibile imparare da un divorzio?

 

1 L'importanza di esprimere ciò che pensiamo e vogliamo, i nostri obiettivi e desideri. Stare zitti non è mai una buona soluzione, perché si finisce per nascondere in profondità le verità più intime con il rischio di... farle esplodere come una pentola a pressione a tempo debito! Per costruire una comunicazione limpida, onesta e chiara è necessario permettere a se stessi di essere fedeli ai propri reali bisogni e spiegarli al partner con gentilezza ma in maniera ferma e senza giri di parole. Meglio discutere di più all'inizio di una storia o allontanarsi subito che rischiare di farlo dopo anni per aver nascosto differenze che in fondo sapevamo già di avere.

 

2 Il vero carattere di una persona si dimostra... durante un litigio! Purtroppo succede proprio così, perché è molto facile andare d'accordo e mostrare una perfetta armonia quando non ci sono nuvole all'orizzonte: nel momento in cui sorgono delle differenze o le discussioni aumentano appare il vero volto di chi abbiamo accanto. Soprattutto i divorzi possono tirar fuori il peggio delle persone, eppure anche questo serve perché ora sei consapevole che a parole è facile dirsi civili e amabili, il difficile è esserlo nelle azioni e purtroppo le persone che più tendono a desiderare una coppia perfetta sono le stesse capaci di diventare intolleranti nel momento in cui non tutto funziona come dovrebbe.

 

3 Vendette, rivincite, oggetti non leniscono il dolore. Spesso si arriva a questa preziosa consapevolezza dopo guerre all'ultimo sangue che hanno ingrassato il portafoglio dei rispettivi avvocati senza riuscire a portare un reale cambiamento. Evita. Con il tempo ne sarai felice, perché né la vendetta, né l'ostinazione riescono a produrre buoni risultati: l'odio lascia la bocca ancora più amara e disgustata e questo riguarda sia chi lo riceve, sia (soprattutto!) chi lo prova.

 

4 Cerca il silenzio interiore, perché solo in questo luogo dentro di te riuscirai a sbrogliare la matassa, osservare con più obiettività ciò che è accaduto, scoprire la tua pace. Coinvolgere amici e familiari per farne alleati è un'idea pessima: parlare del tuo matrimonio è utile se serve a riflettere, ma fai attenzione a bloccarti non appena il discorso vira verso il gossip. Quando si evita di trasformare le amicizie in una nicchia dove parlare male dell'ex, le persone che autenticamente sono legate a noi si avvicineranno con il cuore e la voglia di essere davvero presenti. Non siamo soli e dopo eventi come un divorzio si capisce quanto la vera amicizia sia importante, rara e preziosa.

 

5 Puntare l'attenzione sul passato distoglie dal futuro. Per quanto sia stata importante una relazione arriva un punto in cui, a beneficio della tua sopravvivenza psicologica, è necessario guardare il dolore, viverlo e poi raccogliere ogni ricordo in un cassetto che esisterà per sempre ma che ora hai bisogno di chiudere se desideri far posto a nuove emozioni. Nessuno ti chiede di dimenticare il partner con cui hai condiviso tanto, tuttavia per riprendere contatto con la tua felicità, devi creare la possibilità di concentrarti sul futuro. Forse siete stati insieme vent'anni, o forse sei mesi: non permettere che il tempo della vostra relazione pesi sulle spalle come una condanna. Il presente è adesso. fonte tgcom

Contraccezione: legare le tube

Contraccezione: in Usa sempre più spesso le donne si fanno legare le tube

 Secondo un rapporto appena pubblicato negli Stati Uniti, condotto dai Centers for Disease Control and Prevention (CDC) si è scoperto che le donne americane sempre più spesso ricorrono alla sterilizzazione permanente come sistema di controllo delle nascite, specie se hanno già avuto figli e sono di mezza età.

Negli USA circa il 62% delle donne fra i 15 ed i 44 anni usa qualche forma di contraccezione. Secondo il sondaggio, fra il 2011 e il 2013, il 16% delle donne americane ha usato la pillola contraccettiva, mentre il preservativo è stato usato dal 9,4% delle coppie ed i dispositivi intrauterini (IUD) solo dal 7,2% delle donne fertili. Nelle attese, i dispositivi intrauterini avrebbero dovuto essere i più popolari, in quanto negli ultimi anni sono stati molto perfezionati, ma le ragazze al di sotto dei 24 anni non sembrano gradirli. Il 15,5% delle donne americane ha invece scelto, come forma di contraccezione, di farsi legare le tube.

Si tratta di donne di mezza età: i casi di gravidanza fra le persone che hanno scelto la sterilizzazione permanente sono meno di uno ogni cento donne e dunque si tratta di un metodo considerato abbastanza sicuro. L’intervento consiste nel tagliare o bloccare le tube di Falloppio. Poiché le tube sono il collegamento fra le ovaie e l’utero, se gli spermatozoi non possono superare le tube, è pressoché impossibile che essi possano fertilizzare l’ovulo e dare vita ad una gravidanza.

In Italia fino al 1978 questo intervento era vietato dalla legge. In seguito è stato ammesso, ma occorre che la donna sia maggiorenne, presti un consenso informato e riceva benefici da questa operazione, che possono essere non solo fisici, ma anche psicologici. Infine, va considerata la possibilità che il medico possa rifiutarsi di effettuare la sterilizzazione tubarica volontaria, qualora tale prestazione contrasti con i suoi convincimenti tecnico-scientifici e/o con i suoi principi etico-deontologici.  Per maggiori info giuridiche su questo intervento leggi qui.

Si tratta sicuramente di una scelta difficile e di cui in seguito ci si potrebbe pentire: in ogni caso, se si è sicure che per la propria salute sia meglio non avere altri figli, piuttosto che prendere la pillola per altri 15-20 anni, questa potrebbe essere una scelta da prendere in considerazione.

Dr. Giuliana Proietti

Fonte:

Daniels K, Daugherty J, Jones J. Current Contraceptive Status Among Women Aged 15–44: United States, 2011–2013. NCHS Data Briefs. 2014, via More Women Are Getting Their Tubes Tied; Permanent Birth Control Second Most Popular Option In US, Medical Daily

Pagina 1 di 80

Marco Rossi sui Social Network

 

facebook logo detail ios homescreen icon

unnamed pinterest-icon

 

Marco Rossi è Collaboratore di Psicologi Italia

label-psicologo

Marco Rossi è Presidente della Società Italiana di Sessuologia ed Educazione Sessuale

Marco Rossi e il Centro Medicina Sessuale

10177450 644754452262215 609929187 n

 

Marco Rossi su Run Radio

runradio

mercoledi ore 11,45

Marco Rossi su Radio M2O

IMG 0307

Venerdi ore 9,15

Impotenza

Istruzioni per l'uso

E' possibile scaricare l'applicazione gratuitamente su iTunes

Eiaculazione Precoce

Istruzioni per l'uso

E' possibile scaricare l'applicazione gratuitamente su iTunes

Cerca nel sito

Acquarelli Erotici

Realismo Idealista a Zagabria

 Acquarelli Erotici

Prossimi Incontri ed Eventi

Martedì 17 Marzo a Udine, alle ore 20,30 il Dott. Rossi condurrà un incontro per l'attività formativa prevista dal progetto Impresa Famiglia-Scuola per Genitori dal titolo "Come vivono la sessualità i nostri figli?"

Mercoledi 18 Marzo a Udine alle  ore 9,30 per lo Spazio Giovani del progetto Impresa famiglia condurrà un incontro dal titolo "Sessualità 2.0"

 

 

Organizzazione Conferenze Incontri ed Eventi

ORGANIZZAZIONE CONFERENZE INCONTRI ED EVENTI
Il Dott. Marco Rossi ha una lunga esperienza nella organizzazione di eventi e nella partecipazione in qualità di relatore e/o moderatore a conferenze. Le tematiche trattate sono inerenti al singolo, alla coppia, a problematiche sociali e temi culturali riguardanti la sfera dei sentimenti e della sessualità senza mai tralasciare la componente psicologica.

Organizzazione Conferenze Incontri ed Eventi

Go to top